UWWTD: La direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane


LUGLIO 2021



Le acque reflue non trattate inquinate da virus, batteri e sostanze chimiche pericolose possono rappresentare un rischio per la salute e l'ambiente. Inoltre, le acque reflue contengono nutrienti come azoto e fosforo, che possono danneggiare le acque dolci e l'ambiente marino incoraggiando la crescita delle alghe, che soffoca altre forme di vita, un processo noto come eutrofizzazione. Il tema del trattamento delle acque reflue è ancora attuale oggi. Di conseguenza, circa il 12 per cento di tutti i corpi idrici superficiali dell'UE non raggiunge un'eccellente qualità ecologica.

Per affrontare questo problema, il 21 maggio 1991 la Commissione europea ha approvato la direttiva 91/271/CEE del Consiglio relativa al trattamento delle acque reflue urbane.

La direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane (UWWTD) impone agli Stati membri di garantire che le acque reflue siano raccolte e trattate in modo appropriato nelle loro città e villaggi.

L'UWWTD è ora considerato un successo nel raggiungere l'obiettivo di ridurre le implicazioni ambientali degli scarichi delle acque reflue. Una serie di metodi di assistenza, tra cui il sostegno alla conformità, l'aiuto finanziario e il finanziamento, hanno contribuito all'elevato livello generale di attuazione della direttiva. La prova del suo successo è che la domanda biochimica di ossigeno, i nitrati e il fosforo nelle acque superficiali e costiere sono tutti diminuiti a seguito della direttiva.

L'UWWTD è uno strumento in circolazione da un po' di tempo (adottato nel 1991). Negli ultimi 30 anni ci sono stati cambiamenti nella nostra conoscenza dello stress sui corpi idrici, nuove pressioni sull'ambiente e sviluppo tecnologico. La crescente importanza dell'economia circolare è un altro aspetto importante che potrebbe avere un impatto sulle attività contemplate dalla direttiva. Inoltre, dall'entrata in vigore della UWWTD, il quadro giuridico nell'UE è cambiato, ad esempio, con l'approvazione della direttiva quadro sulle acque (2000/60/CE), della direttiva modificata sulle acque di balneazione (2006/7/CE) e di altre normative relative all'UWWTD.

La direttiva sull'acqua potabile (98/83/CE) è stata aggiornata.

Tutti questi fattori hanno contribuito alla necessità di una valutazione dell'UWWTD. È attualmente in corso una consultazione pubblica, con l'adozione da parte della Commissione prevista per il primo trimestre del 2022.

 

Qui la valutazione 2019 della Commissione dell'UWWTD.


Qui potete trovare una relazione valutativa della Commissione su UWWTD.

 
Qui l'UWWTD.


Fonte: https://www.linkedin.com/posts/european-water-regulators-wareg_untreated-wastewater-polluted-with-hazardous-activity-6811239852152000512-D0Rt


ALTRE NEWS

AGO 2021

Commissario depurazione, gare per 10 mln € in Sicilia

LEGGI DI PIÙ

AGO 2021

Depurazione, tagli alla multa semestrale per l’Italia

LEGGI DI PIÙ

NEWS H2O